Category Archives: Sourdough

Chickpea hummus with multigrain pita bread (sourdough bread recipe).

Hummus is a delicious chickpea spread, easy to make and suitable for every occasion. Served with this special multigrain bread it becomes a real treat! This dish is rich in vegetable protein, fiber and omega 3, found in flaxseed. It is a great balanced meal when served with salad or fresh vegetables, while served with bread it is a wonderful starter.

Mutigrain pita bread.

For 4 flat breads.

ingredients

70 g (2.46 oz) wholemeal flour (whole wheat flour)

70 g (2.46 oz) wholemeal spelt flour

40 g (1.41) Manitoba flour

90 g (3.17 oz) sourdough

3 tablespoons 6 mixed grains (hulled oats, hulled barley, hulled spelt, wheat, rye, brown rice)

1 tablespoon flax seeds (linseeds)

1 tablespoon extra virgin olive oil

1 tea spoon of salt

1/2 teaspoon honey or barley malt (unsweetened) syrup (it helps the dough to rise and gives a nice crust to the bread, optional)

water as needed

For the hummus.

Ingredients

1 can chickpeas (240 g, 8.46 oz, drained chickpeas)

1 clove garlic

the juice 1/2 a lemon

1 teaspoon sesame seeds finely chopped

a few crystal of sea salt

4 tablespoons extra virgin olive oil

1/2 cup water

paprika to taste

Method (Multi Grain Pita Bread).

1. Wash the seeds in a bowl, changing the water several times, until it’s completely clear.

Step 1. Wash the seeds until the water is clear.

2. Leave the seeds to soak for 6-8 hours.

Step 2. Leave to soak for 6-8 hours.

3. Mix the flour with the sourdough, adding some water and a little bit of malt (or honey). Sprinkle the seeds on top of the mixture, add a teaspoon of salt and knead everything well (adding flour or water if necessary, as the dough should be neither too sticky nor too hard and dry).

Step 3. Mix the flour, the sourdough,the seeds,some malt and water.

4. Let it rise for 3 to 6 hours. When the dough has doubled in volume, divide it into 4 pieces and shape them into flat breads, using a rolling pin, if necessary.

5. Lay your breads on a baking sheet lightly oiled and bake at 200 ° C (392° F) for 15 minutes.

Step 4 and 5. Let rise, then shape the breads and bake them.

Chickpea hummus with multigrain pita bread (front shot pita bread)

Method (Chickpea Hummus).

1. Wash and drain the chickpeas (you can boil them for a few minutes to be safe).

Chickpea Hummus. Step 1. Wash and dry the chickpeas

2. Using a food processor, process the chickpeas until very finely chopped with the garlic, sesame seeds and salt (for better a result, I use mortar and pestle to break the sesame seeds with just a few sea salt crystals, before putting them in the food processor)

Chickpea Hummus. Step 2. Process the chickpeas with the garlic, the sesame seeds and salt.

3. Continue to process adding the lemon juice, water, and gradually the olive oil, until you have a nice creamy sauce.

Chickpea Hummus. Step 3. Add lemon juice, water and olive oil and process until creamy.

4. Put the hummus in a small bowl, top with some paprika and serve with the multigrain bread.

Step 4. Serve the hummus in a small bowl with the multigrain pita bread.

Hummus di ceci con pane arabo ai cereali e semi di lino.

Per 4 panini piatti (tipo pita) ai cereali.

Ingredienti

70 g di farina integrale

70 g di farina integrale di farro

40 g di manitoba

90 g di lievito madre

3 cucchiaio di 6 cereali misti ( avena decorticata, orzo decorticato, farro decorticato, frumento, segale,riso integrale)

1 cucchiaio di semi di lino

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

1 cucchiaino di sale

1/2 cucchiaino di miele o di malto (fa lievitare meglio l’impasto e aiuta il formarsi di una bella crosta, ma é facoltativo)

acqua q b

Per l’hummus di ceci

1 scatola di ceci (240 g di ceci scolati)

1 spicchio d’aglio

Il succo di 1/2 limone

! cucchiaino di semi di sesamo tritati

qualche cristallo di sale grosso

4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

1/ 2 bicchiere d’acqua

una spolverata di paprika

Preparazione (pane pita ai cereali).

1. Mettete a bagno in una ciotola tutti i semi, cambiando l’acqua più volte, finché non sarà completamente limpida. Lasciate i semi immersi in acqua per 6 ore.

2. Unite le farine al lievito madre, aggiungendo un po’ d’acqua e un po’ di malto (o di miele). Unite i semi all’impasto, aggiungete un cucchiaino di sale e impastate bene.

3. Aggiungete farina o acqua se necessario,  l’impasto ottenuto non dovrebbe essere né troppo appiccicoso, né troppo duro e asciutto.

4. Fate lievitare dalle 3 alle 6 ore, fino a quando l’impasto sarà raddoppiato di volume.

5. Formate 4 pagnotte e stendetele su una teglia leggermente unta con olio d’oliva. Infornate a 200° C per 15 minuti.

Preparazione ( hummus di ceci).

1. Lavate e scolate i ceci (potete anche bollirli per qualche minuto, per sicurezza). Frullate i legumi molto finemente con l’aglio, i semi di sesamo e il sale (per un risultato migliore, uso prima un mortaio per sbriciolare i semi di sesamo con qualche cristallo di sale grosso e poi li metto con il resto degli ingredienti nel tritatutto).

2. Continuate a frullare e aggiungete il succo di mezzo limone,  l’acqua e in fine l’olio molto gradualmente, fino ad ottenere una crema.

3. Mettete l’hummus in una ciotola, aggiungete una spolverata di paprika e servite con il pane ancora cado.

Some tips to keep your sourdough in good shape!

My sourdough is one year old! I keep it strong and healthy in a nice big jar in the fridge. I usually feed it once a week (or refresh it, as we say) , but the refreshment time varies depending on my needs. I’ve never had any problems with my natural yeast, however, at times, it’s possible that the yeast becomes sourer, or less responsive to leavening, therefore less active. These elements depend on many factors. There are some steps you can take to keep your sourdough in the best shape and correct any of problems. Of course, if you want a sour product, in order to let the bacteria produce acidity you have to do the opposite of what is indicated below.

To increase the leavening strength:

⁃ increase the temperature during leavening

⁃ decrease the ratio refreshments / flour

⁃ increase the ratio water / flour

⁃ increase humidity

In case of over-acidity:

⁃ change the type of flour (change microflora)

⁃ decrease the rising time

⁃ decrease ratio refreshments / flour

⁃ decrease the amount of water with the flour (to make a harder dough)

⁃ lower the temperature of the dough

DSC_7787

Some of this information belongs to the teaching material of the Cereal Technology Course at Parma University (Italy), courtesy of Prof. Franco Antoniazzi.

Come mantenere il lievito madre al meglio.

Il mio lievito madre ha un anno di vita! Lo tengo in un vasetto di vetro nel frigorifero e lo rinfresco generalmente una volta a settimana, ma a volte anche più spesso se ne uso in grandi quantità. Non ho mai avuto grossi problemi, ma è possibile che il lievito naturale a volte diventi più acido, oppure sia meno reattivo alla lievitazione, questo dipende da molti fattori. Ci sono comunque degli accorgimenti che si possono adottare per mantenere il lievito madre al meglio e correggere eventuali anomalie.

Interventi sui rinfreschi del lievito naturale.

Per aumentare la forza lievitante:

  • aumentare la temperatura di lievitazione
  • diminuire il rapporto rinfreschi/farina
  • aumentare il rapporto acqua/farina
  • aumentare l’umidità

Interventi in caso di acidità eccessiva:

  • cambiare tipo di farina (microflora diversa)
  • diminuire i tempi di lievitazione
  • diminuire i rapporti rinfreschi/farina
  • diminuire la quantità di acqua rispetto alla farina (impasto più duro)
  • abbassare le temperature degli impasti

Alcune delle informazioni riportate in questo articolo, fanno parte del materiale didattico del corso di Tecnologia dei Cereali dell’Univeristà di Parma, per gentile concessione del Prof. Franco Antoniazzi.

Bread making: choosing the right flour.

DSC_6642
  1. A good dough depends on the quality of the flour used. A good stone ground flour preserves most of the original nutritional values of the cereals.
  2. A few important factors determine the quality of a particular flour: tolerance to fermentation, good ability to absorb water, good consistency, extensibility and resistance.
  3. There are weak (soft) and strong (hard) flours. It’s important to understand the difference between these types of flour in order to use them in the best possible way.
  4. The strength of a flour is determined by the amount of protein (gluten) contained in the product. The higher the amount of protein (gluten), the stronger the flour.
  5. Weak flours have low protein (gluten) content and poor water absorption ability, consequently they are less active when leavening. For these reasons weak flours are mainly used for simple and dry preparations (e.g.to make cookies or bread sticks), while strong flours (e.g. manitoba) are used in more elaborate leavening processes.
  6. A plain strong flour dough is harder to work, therefore less extensible than a weaker one.

DSC_6554

Understanding flour strength.

In Italy, flour strength is indicated by a number followed by W. The W number is usually not indicated on the packaging of the product you buy at the supermarket. it’s possible to understand the strength of a flour by looking at the protein content indicated on the packaging.

DSC_6597

Below you will find some reference data that might help you to understand the relationship between protein, flour strengths (W) and their uses.

 

  • W
  • Protein
  • Use
  • 90/130
  • 9/10,5
  • Cookies (dough with baking powder)
  • 130/200
  • 10/11
  • Breadsticks, Crackers
  • 170/200
  • 10,5/11,5
  • Ciabatta, sandwich, focaccia bread, pizza, plain bread dough (with yeast or baking powder)
  • 220/240
  • 12/12,5
  • Baguettes, ciabatta bread, bread dough ( with yeast or baking powder) and biga (or sourdough) 5/6 h rising time
  • 300/310
  • 13
  • Worked bread, pastry dough with biga (or sourdough) up to 15 h rising time
  • 340/400
  • 13,5/15
  • Puffed bread, Pandoro, Panettone, dough leavened with long fermentation, pastry dough with biga (or sourdough) over 15 h rising time

The data shown here was taken from the teaching material of the Cereal Technology Course at Parma University (Italy), courtesy of Prof. Franco Antoniazzi.

DSC_6644

Guida alle farine.

  1. Un buon impasto dipende dalla qualità della farina utilizzata. Una buona farina ottenuta dalla macinazione in pietra (il metodo tradizionale) preserva al meglio le proprietà e i valori nutrizionali dei cereali macinati.
  2. Le caratteristiche da ricercare in una buona farina per fare il pane sono: tollerabilità alla fermentazione, buon assorbimento dell’acqua, buona consistenza, estensibilità dell’impasto e resistenza alla lavorazione.
  3. Esistono farine deboli e forti. E’ importante capire la differenza tra queste farine per utilizzarne al meglio le caratteristiche.
  4. Il fattore di panificabilità, o forza di panificazione, dipende dal contenuto di proteine (glutine) nella farina. Più alta è la percentuale di proteine contenuta nella farina e maggiore è la forza di panificazione.
  5. Le farine deboli hanno un basso contenuto di glutine, scarsa capacità di assorbimento dell’acqua e di conseguenza reagiscono meno attivamente alla lievitazione. Le farine deboli vengono quindi utilizzate nelle lavorazioni più fini e secche (per fare i biscotti o grissini), mante le farine forti (ad esempio la manitoba) si utilizzano per le lievitazioni più lunghe ed elaborate.
  6. Un impasto semplice, fatto con la farina forte, è più tenace e meno estensibile di un impasto fatto con la farina debole.

DSC_6595
Capire la forza delle farine.

In Italia, la forza della farina si indica con un numero seguito da W. Nella confezione al supermercato non troverete questi parametri riportati sulla confezione. E’ possibile però farsi un’idea sulla forza di panificazione della farina leggendo le percentuali di proteine riportate sulla confezione del prodotto.

In questa tabella troverete alcuni dati di riferimento per capire meglio il rapporto tra le proteine,la  forza di panificazione (W) delle farine e i loro utilizzi.

  • W
  • Proteine
  • Utilizzo
  • 90/130
  • 9/10,5
  • Biscotti ad impasto diretto (con lievito chimico)
  • 130/200
  • 10/11
  • Grissini, Crackers
  • 170/200
  • 10,5/11,5
  • Pane comune, impasto diretto (cioè con lievito chimico o lievito di birra), ciabatte, pancarré, pizze, focacce, fette biscottate
  • 220/240
  • 12/12,5
  • Baguettes, pane comune a impasto diretto (cioè con lievito chimico o lievito di birra), maggiolini, ciabatte a impasto diretto e biga di 5/6 h
  • 300/310
  • 13
  • Pane lavorato, pasticceria lievitata con biga di 15 h e impasto diretto
  • 340/400
  • 13,5/15
  • Pane soffiato, pandoro, panettone, lievitati a lunga fermentazione, pasticceria lievitata con biga oltre le 15 h

I dati riportati nella tabella sono stati presi dal materiale didattico del corso di Tecnologia dei Cereali dell’Univeristà di Parma, per gentile concessione del Prof. Franco Antoniazzi.

DSC_6608

Posh and perfect! Wholemeal pizza with goat’s cheese, olives and rocket (arugula).

This is a great veggy pizza! The dough, once cooked, is perfectly crunchy on the outside and soft on the inside. I used a mixture of manitoba, semolina and wholemeal flour to give elasticity, crispness and flavour to the pizza. Instead of using sourdough you can use 6 g of yeast to significantly reduce the rising time of the dough. At this link https://foodfulife.wordpress.com/2013/01/02/how-to-make-natural-yeast-sourdough/  you will find a short article that explains how to make sourdough at home.

Wholemeal pizza with goat’s cheese, olives and rocket (arugula).

Ingredients

For 1 thick pizza

50 g (1.76 oz) manitoba flour

50 g (1.76 oz) wholemeal (whole wheat) flour

40 g (1.41 oz)  fine semolina flour

50 g (1.76 oz) sourdough

70 g (2.46 oz) fresh and creamy goat’s cheese

70 g (2.46 oz) sweet and creamy soft cheese (crescienza or stracchino)

3 tablespoons extra virgin olive oil

1 teaspoon salt

A handful of rocket (arugula)

A handful of pitted olives

6-7 ripe cherry tomatoes

salt and pepper as needed (for seasoning the pizza)

100 ml (3.38 fl. oz) water (or more)

1/2 teaspoon honey

Create a starter dough with 50 g (1.76 oz ) wholemeal flour, 50 g manitoda flour and 50 g sourdough. Knead the starter dough with 100 ml (3.38 fl. oz) water and half a teaspoon of honey.

DSC_6289

Cover and set for a couple of hours. After 2 hours, take the starter dough and mix with the semolina flour ( adding some water or flour if needed). Add a teaspoon of salt and a tablespoon of oil and work until smooth.

DSC_6357

Let rise for a few hours, and then the dough will ready when it doubles in volume. Roll out the dough and place in a baking tray, previously evenly greased with a tablespoon of olive oil.

DSC_6371-3

Cut the tomatoes and the olives into thin slices. In a small bowl, mix the goat’s cheese with crescenza until smooth.

DSC_6361-3

Alternating, place the tomatoes and cheese on top of the dough, then garnish with some slices of olives. Season your pizza with a tablespoon of olive oil, some salt and pepper.

DSC_6378-3

Bake at 200 ° C (392° F) for 25-30 minutes.

DSC_6395-3

Top the pizza with fresh rocket and serve.

DSC_6408-3

DSC_6425-3

Pizza integrale con formaggio di capra, olive e rucola.

Ingredienti

per 1 pizza

50g di farina manitoba

50g di farina integrale

40g di semola (rimacinata)

50g di lievito madre  (oppure 6 g di lievito di birra con aggiunta di acqua)

70 g di formaggio fresco (cremoso) di capra

70 g di crescenza o stracchino

3 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Una manciata di olive verdi snocciolate

Una manciata di rucola

1 cucchiaino scarso di sale

6-7 pomodorini ciliegia ben maturi

sale e pepe qb (sulla pizza finita)

100 ml di acqua (o più)

1/2 cucchiaino di miele

Create un lievitino con 50g di farina integrale, 50g di farina manitoda e 50 g di lievito madre. Impastate il lievitino con 100 ml di acqua e mezzo cucchiaino di miele. Coprite e lasciate lievitare per un paio d’ore. Dopo la prima lievitazione, prendete il lievitino e impastate con la semola (aggiungendo un po’ d’acqua o di farina se necessario). Aggiungete un cucchiaino di sale e un cucchiaio d’olio all’impasto. Lasciate lievitare per qualche ora ( tenete presente che l’impasto è pronto quando raddoppia di volume).

Stendete l’impasto su una teglia, uniformemente unta con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva. Tagliate i pomodorini e le olive a fettine. In una terrina piccola, unite e mescolate bene la crescenza con il formaggio di capra, fino ad ottenere una crema abbastanza omogenea. Cospargete i pomodorini alternandoli al formaggio sulla base della pizza e finite di decorare con delle fettine di olive. Condite la pizza con un cucchiaio di olio, un po’ di sale e pepe.

Fate cuocere a 200° di per 25-30 minuti. Sfornate la pizza, aggiungete la rucola e servite.

How to make perfect bread.

Focaccia bread with rosemary and whole sesame seeds.

DSC_2885

Ingredients

300 g (10.5 oz) wholemeal flour ( organic is better)

200 g (7 oz) plain flour, (organic is better)

167 g (5.8 oz) sourdough (or 16 g yeast)

10 g salt (for the dough) and some more to add over the focaccia bread

A few sprigs of fresh rosemary

10 g sesame seeds (1 tablespoon)

half a teaspoon honey olive oil and water as needed

Bread dough.

To prepare a good homemade bread you need to choose the ingredients carefully.

There are many different flours to choose from, and not all necessarily reflect what labels say. Most wholemeal flour you find in shops, for example, is often nothing more than plain flour with added bran, therefore it’s always best to get informed and buy good quality products, possibly organic, to have good cooking results.

Making a good bread dough is essential, it is very versatile and it can be used in many recipes to add fragrance and flavour to your dishes. I often use good quality wholemeal flour in my dough, as it is rich in fiber, vitamins and minerals and contains fewer calories than plain flour dough.

Starter dough.

DSC_2846

The best way to strengthen and optimize the leavening and fermentation activity in bread dough is to create a starter dough ( or bread starter). We begin by adding the sourdough (167 g) to some flour (1/4 of the dose indicated in the recipe, 125 g, 4.4 oz), just a little bit of honey, and enough water to create a moist and soft dough. Cover and set the dough in a warm place to rise, until it has doubled in volume.This process will make your bread dough rise perfectly, after adding all the ingredients.

It’s also possible to make a starter dough using yeast, but time and dosage differ slightly. Use 16 g of yeast ( following the doses indicated in the recipe above) plus 2 tablespoons flour, very little honey, then cover and let it rise for 1 hour.

How to make sourdough from the start : https://foodfulife.wordpress.com/2013/01/02/how-to-make-na…east-sourdough/

Making the dough.

Mix the two flours in a large bowl. Pour the flour on a working surface (or use a large bowl) and make a well in the centre. Add salt and water to the flour mixture. Mix everything and add the starter dough.

DSC_2851

Form a soft dough, adding water or extra flour if needed. The dough should be smooth and elastic. Shape into a round ball and slash the surface in a cross pattern.

DSC_2852

Place the dough to rise in a warm place (rising time may vary depending on the ingredients you use). If you use natural yeast, your dough might take 3-6 hours to rise, or maybe less if you made a starter dough , my advice, however, is to always wait for the dough to double in volume.

DSC_2859

Once risen, you can shape your dough into the desired form, and use it in many recipes.

Focaccia bread with rosemary and whole sesame seeds.

DSC_2868

With the help of a rolling pin, roll out the bread dough until you have a thick layer and place it on a lightly greased rectangular baking tray (mine is a 28cm x 24 cm ).Stretch the dough layer to cover completely the baking tray. With your fingers, press lightly on the surface of the dough to create little wells, taking care not to break it.

DSC_2865

Place in a warm place and let rise for 20 minutes. Brush your bread with olive oil and water,then sprinkle evenly with fresh rosemary leaves, sesame seeds and salt.

DSC_2866

Bake at 180° C (356 °F) for 20 to 30 minutes. Cut and serve.

DSC_2876

Focaccia integrale con rosmarino e semi di sesamo.

Ingredienti

300 g di farina integrale

200 g di farina 00 biologica

167 g di lievito madre (oppure 16 g di lievito di birra)

10 g di sale (per l’impasto) e un po’ in più da aggiungere sopra la focaccia

Qualche rametto di rosmarino fresco

10 g di semi di sesamo (un cucchiaio)

mezzo cucchiaino di miele

olio d’oliva e acqua q b

Pasta da pane: impasto base.

Per preparare un ottimo pane fatto in casa è necessario scegliere gli ingredienti con cura. Esistono svariate farine e non tutte rispecchiano necessariamente ciò che indicano le etichette. La farina integrale che trovate in commercio, per esempio, spesso non è altro che farina bianca con dell’aggiunta di crusca, quindi e’ sempre meglio informarsi e comprare prodotti possibilmente biologici e di buona qualità, per avere buoni risultati in cucina.

Un buon impasto per il pane è importante perché può essere utilizzato in molte ricette, arricchendo i piatti con gusto e fragranza.  L’impasto integrale, in particolare, è ricco di fibra, un po’ meno calorico e contiene più vitamine e minerali di quello fatto con la farina bianca.

Qualche link utile sulla farina integrale:

http://www.corriere.it/salute/nutrizione/10_febbraio_28/pane-integrale-vantaggi_ed0992cc-2422-11df-826d-00144f02aabe.shtml

http://blog.greenme.it/naturomania/alimentazione-naturale-attenti-alla-farina-integrale/

Il lievitino, o panetto di lievito.

Il modo migliore per rinforzare e ottimizzare la lievitazione e la fermentazione nell’impasto, è quello di creare un lievitino, o panetto di lievito. Si procede aggiungendo al lievito madre (in questo caso 167 g) una parte della farina (1/4 della dose indicata nella ricetta) ,pochissimo miele (o zucchero, che useremo per nutrire il lievito), e acqua necessaria per creare un panetto umido e morbido. Coprite e mettete il panetto in un posto caldo finché non sarà raddoppiato di volume. Questa operazione farà lievitare perfettamente il vostro impasto, una volta aggiunti tutti gli ingredienti.

Naturalmente il lievitino si fa anche con il lievito di birra, ma le dosi e i tempi variano leggermente. A 16 g di lievito di birra, sbriciolato e sciolto in un po’ d’acqua (seguendo sempre le dosi indicate sopra), si aggiungono 2 cucchiai di farina, poco miele e si lascia riposare per 1 oretta circa al caldo. A questo link troverete tutto il procedimento per fare il lievito madre: https://foodfulife.wordpress.com/2013/01/02/how-to-make-na…east-sourdough/

Impasto e procedura.

Unite le farine e disponetele a fontana su un piano da lavoro (o in una ciotola grande), aggiungete il sale e l’acqua tiepida necessaria ad amalgamare il tutto, senza bagnarlo troppo. A questo punto aggiungete il panetto di lievito e lavorate energicamente fino a creare un impasto liscio e omogeneo. Formate una palla e incidete una croce sulla superficie. L’impasto ora è pronto per essere coperto e messo in un luogo caldo a lievitare. I tempi di lievitazione variano a seconda degli ingredienti usati. La lievitazione con il lievito madre può variare dalle 3 alle 6 ore, magari meno se usate il lievitino, il mio consiglio, comunque, è di aspettare sempre che l’impasto sia raddoppiato di volume prima di utilizzarlo. Una volta lievitato, potete dare al vostro impasto le forme desiderate o sbizzarrirvi con le vostre ricette.

Preparazione della focaccia integrale con rosmarino e semi di sesamo.

Aiutandovi con il matterello, stendete la pasta da pane fino ad ottenere una sfoglia spessa più o meno un dito e  ponetela in una teglia rettangolare leggermente unta (io ne uso una delle dimensioni di 28cm x 24 cm). Stendetela ulteriormente, in modo da ricoprire perfettamente la superficie della teglia. Con le dita premete leggermente sull’impasto per creare delle rientranze, facendo attenzione però a non romperlo. Lasciate lievitare per 20 minuti. A questo punto, spargete uniformemente le foglie di rosmarino fresco con i semi di sesamo e il sale sulla focaccia. Spennellate con un po’ di olio d’oliva e un po’ d’acqua, e infornate a 180° per 20- 30 minuti. Tagliate e servite.

How to Make Sourdough (Natural Yeast).

DSC_7382 

What is sourdough?

Sourdough is a natural yeast, obtained by fermenting flour and water. It can have a solid or a liquid consistency, depending on the amount of water used to feed it. Liquid sourdough usually rises better.

I personally recommend the preparation and use of this great ingredient because it’s completely natural, therefore much healthier and more digestible than other yeasts. Sourdough can be used to make a variety of breads, pizzas, pies and cakes with surprising results. Moreover, it makes everything taste better!

Preparing the sourdough starter.

1. First you have to make a starter. Mix 1 cup of organic wholemeal flour (the wholemeal flour is necessary for the first feed) with 1/2 cup of cool water (use non-chlorinated water, you can mix tap water with still drinking water from a bottle).
Put the ingredients in a glass, stainless steel or a plastic container for food.

DSC_7335

2. Stir all the ingredients together, until creamy and smooth, then cover the container with a damp cloth and let it sit for 24 hours.

DSC_7346

DSC_7348

3. After 24 hours remove the top half of the mixture, then feed the starter again with 1 cup of plain flour (you can use manitoba, whole spelt or wholemeal flour, if you prefer) and half a cup of water. Stir well, cover with a damp cloth and let it sit for another 24 hours.

DSC_7355

DSC_7363

DSC_7367

4. Now you can start feeding the starter every two days. Repeat this process for about 10 days, until it doubles in volume.

DSC_7376

5. After 10 days, you can start feeding your sourdough every 4-5 days and you can use it for your recipes.

Store the sourdough. 

1. Store the sourdough in a glass jar and keep it in the fridge (with the lid on).

2. Each time you feed the sourdough let it sit for 1-2 hours at room temperature in a glass jar covered with a damp cloth (with no lid on). Then remove the cloth, close the container and put it back in the refrigerator.

DSC_7385

Doses. 

1. Feed the sourdough the day before you use it (12 hours before).

2. In the recipes, the ratio of flour and sourdough used must be 3 to 1. (e.g. for 900 g of flour use 300 g of sourdough).

3. The rising time of the dough will depend on the age and strength of the yeast, at first it may take 3 to 6 hours  (however, when it doubles in size it is ready for use).

DSC_7378

DSC_6085
DSC_6203
La pasta madre.

La pasta madre è un lievito naturale che si ottiene facendo fermentare farina e acqua. Questo lievito può avere una consistenza più solida o liquida, a seconda della quantità d’acqua utilizzata, normalmente la versione più liquida ha una lievitazione migliore.

Consiglio vivamente la preparazione e l’utilizzo di questo ingrediente, essendo un lievito completamente naturale e quindi molto più digeribile e salutare rispetto ad altri lieviti comunemente utilizzati. Inoltre può essere usato facilmente nella preparazione di svariati tipi di pane, pizze torte salate e dolci con risultati sorprendenti.

Preparazione della pasta madre.

1. Per prima cosa, preparate un piccolo impasto unendo 1 tazza di farina integrale biologica (la farina integrale è necessaria per il primo impasto) a 1/2 tazza d’acqua fredda (utilizzate acqua con poco cloro, potete miscelare l’acqua del rubinetto con acqua minerale naturale).

2. Mettere gli ingredienti in un contenitore (è consigliabile utilizzare un contenitore di vetro oppure acciaio inossidabile, ma anche la plastica per alimenti va bene) e mescolare fino ad ottenere un composto cremoso. Coprire il contenitore con un panno umido e lasciate riposare per 24 ore.

3. Passate 24 ore, levate la parte dura in superficie e rinfrescare quello che resta del lievito, cioè aggiungete al composto 1 tazza di farina (potete utilizzare la 00, manitoba oppure farina integrale, come preferite) e mezzo bicchiere d’ acqua. Mescolare bene, coprire con un panno umido e lasciate riposare per altre 24 ore.

4. Ora potete rinfrescare il lievito ogni 2 giorni, utilizzando sempre una tazza di farina e 1/2 tazza d’acqua. Continuate con questa procedura per circa 10 giorni.

5. Dopo 10 giorni, potete incominciare a rinfrescare la pasta madre ogni 4-5 giorni. Arrivati a questo punto, la vostra pasta madre è pronta per essere utilizzata nelle vostre ricette.

La conservazione.

1. Conservate la pasta madre in un vasetto di vetro, chiuso con il coperchio e tenuto in frigorifero.

2. Dopo ogni rinfresco, lasciate riposare il lievito madre per una o due ore in un vasetto coperto da un panno umido a temperatura ambiente, poi chiudete il contenitore e rimettetelo nel frigorifero.

Le dosi consigliate. 

1. Nutrite la pasta madre il giorno prima di utilizzarla (almeno 12 ore prima).

2. Nelle ricette, il rapporto tra farina e pasta madre deve essere di 3 a 1, cioè su 900 g di farina utilizzeremo 300 g di lievito naturale.

3. Il tempo di lievitazione dipenderà dall’età e dalla forza della pasta madre. I tempi possono variare dalle 3 alle 6 ore, consiglio però di non guardare l’orologio ma di osservare il volume dell’impasto, quando raddoppia è pronto per l’uso.

More than just another pizza!

DSC_7881

A pizza for all occasions. A great dish, full of flavor but also healthy as it contains whole grain fibers and vitamins. Personally, I prefer the flavor and texture of different flours mixed together, compared to plain white flour, I think it’s a matter of habit. With experience, I realized that by gradually increasing the use of whole grains and vegetables in the preparation of traditional dishes you can have a healthier diet without having to give up taste or tradition.

Pizza with three flours and vegetables.

100 g wholemeal flour (3.5 oz)

100 g (3.5 oz) whole spelt flour (but use 150 g [5.2 oz] spelt flour if you use yeast instead of sourdough)

100 g durum wheat semolina flour (all organic if possible) 3.5 oz

1 teaspoon of salt

1 tablespoon extra virgin olive oil

2 medium size tomatoes

1/2 medium size bell pepper

1/3 small onion (optional)

a bunch of fresh marjoram or a tablespoon of dried marjoram

ground pepper to taste

100 g of sourdough (3.5 oz) or 5 g yeast dissolved in a little water.

(the dose of yeast may vary depending on the humidity and the quality of the product)

1/2 squeezed mozzarella cheese

1/2 glass of water approximately for the dough

Prepare the dough by combining the three flours, salt, olive oil and sourdough (or yeast).

Mix all the ingredients together and knead to form a soft and smooth dough ( add some flour if the dough is too wet and a little more water if is too dry). Let the dough rise in a bowl with a wet cloth on top for 6 hours if you use sourdough or for an hour if you use yeast.

Cut the vegetables, place them in a bowl and drizzle with some olive oil, a pinch of salt and some marjoram.

When the dough is ready roll it out with a rolling pin, pour a little oil evenly over the bottom of a round baking tray and roll out the dough until the baking tray is completely covered.

Place the vegetables on top of the dough and add some mozzarella cheese.

Bake for 20-30 minutes at 180 ° C (356°).

Sprinkle the pizza with some ground pepper and serve it hot.

Una pizza ideale per tutte le occasioni. Un ottimo piatto unico, ricco di sapore ma anche sano, perché contiene fibre e vitamine. Ho elaborato questa ricetta perché personalmente preferisco il sapore e la consistenza delle farine miste, rispetto alla farina bianca, credo sia una questione di abitudine. Con l’esperienza, ho capito che incrementando gradualmente l’uso di farine integrali e verdure nella preparazione di alcuni piatti tipici si può avere una dieta più varia e sana, senza dover necessariamente rinunciare a gusto o tradizione.

Pizza alle tre farine con peperoni e maggiorana.

100 g di farina di integrale

100 g di farina di farro (usate 150 g.di farina di farro se usate il lievito di birra)

100 g di farina di semola di grano duro (tutte possibilmente bio)

1 cucchiaino scarso di sale fino

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

2 pomodori di medie dimensioni

1/2 peperone rosso di medie dimensioni

1/3 di cipolla piccola (facoltativo)

un mazzetto di maggiorana fresca o un cucchiaio di maggiorana secca

pepe macinato a piacere

100 g di lievito madre o 5 g di lievito di birra sciolto in un po’ d’acqua.

(la dose di lievito madre può variare a seconda dell’umidità e della qualità del prodotto, meglio comunque abbondare)

1/2 mozzarella ben strizzata

1/2  bicchiere d’acqua circa per l’impasto

Preparate l’impasto unendo le tre farine, il sale,  l’olio e il lievito. Mescolate tutti gli ingredienti, impastate fino a formare una pasta morbida e omogenea, aggiungendo un po’ di farina se l’impasto è troppo umido e un po’ più d’acqua se il risultato è  troppo asciutto. Lasciate lievitare l’impasto in una terrina con sopra uno straccio umido per sei ore se avete usato il lievito madre o per un’ ora se avete usato il lievito di birra.

Tagliate le verdure, riponetele in una scodella e conditele con un filo d’olio, un pizzico di sale e la maggiorana. Quando l’impasto sarà ben lievitato stendetelo con un mattarello, versate un po’ d’olio uniformemente sul fondo di una teglia rotonda e stendetevi l’impasto fino a coprirlo completamente.

Versate le verdure sopra l’impasto e aggiungete la mozzarella.

Infornate a forno caldo per 20-30 minuti a 180°.

Spolverate la pizza con del pepe macinato e servitela calda.

Buon appetito!